“La vita sussiste dove c’è legame, comunione, fratellanza; ed è una vita più forte della morte quando è costruita su relazioni vere e legami di fedeltà.”
(Fratelli Tutti, numero 87)

La Carità è l’amore che circola fra le persone e le rende fratelli e figli di uno stesso Padre.
A questo vuole ambire la Caritas parrocchiale o meglio interparrocchiale perché svolgiamo questo servizio insieme alla parrocchia di S Girolamo.

Nata un po’ alla volta con il costituirsi della nuova parrocchia del centro storico nel 2003 oggi offre alle persone in difficoltà:
Un centro di ascolto per accogliere situazioni di fragilità economica e anche fisica : 1 volta al mese a S Agostino;
Distribuzione dei pacchi viveri il penultimo sabato del mese c/o parrocchia di san Girolamo alle persone che sono passate attraverso il centro di ascolto inter-parrocchiale.

Per diversi anni un modo per coinvolgere la comunità è stato il trenino della solidarietà. Una modalità di raccolta prodotti di lunga conservazione casa per casa fatta dai bimbi ragazzi e adulti nel periodo dell’avvento è destinata alla Caritas diocesana.

Vogliamo rinnovare la presenza della Caritas che non si traduce in un semplice volontariato delegato a pochi ma costituisce il frutto della nostra relazione con il Signore il nostro conformarci sempre di più a Lui che si è fatto servo degli ultimi capace di rendere partecipe tutta la comunità di questo sentire.

Necessaria é la conoscenza del nostro territorio dei bisogni delle povertà sempre nuove per poter riuscire a farsi prossimi ed offrire possibili risposte attraverso una rete di collegamento con i progetti offerti dalla Caritas diocesana come:

  • Piano Marvelli
  • Fondo per il lavoro
  • Mensa diocesana
  • Locanda per senza dimora


Crediamo che spendersi in questo ambito richieda formazione e tanta delicatezza del cuore perchè chi ci incontra possa sentire di essere amato così com’è!

Il nostro slogan è: “Pensare, sentire, agire”

Perché solo ascoltando accogliendo possiamo conoscere e agire dopo aver sentito le povertà degli altri su di sè dopo essersi lasciati toccare affettivamente dalle infermità del nostro fratello!

“Se tu hai accanto qualcuno che ti vuole veramente bene di cos’altro puoi avere bisogno?
D Luigi Maria Epicoco

Campo Lavoro Missionario