XXIII Domenica del Tempo Ordinario

«EFFATÀ, APRITI!»

Gesù compie ciò che era stato annunciato da Isaìa: è lui il vero Messia di Dio che apre le nostre orecchie perché possiamo ascoltare la sua Parola e schiude le nostre labbra perché possiamo cantare le sue lodi.

Oggi il Vangelo ci presenta Gesù impegnato in uno strano itinerario di viaggio: per andare a sud si dirige verso nord.
Non dobbiamo però leggere il testo con categorie geografiche, quanto piuttosto riconoscere che è intenzione di Gesù fermarsi in terra pagana. Spesso sono proprio i “lontani” che lo accolgono, mentre i “vicini” lo rifiutano. A Tiro aveva già guarito la figlia della donna siro-fenicia; qui, nel territorio della Decàpoli, guarisce un sordomuto.

La pagina evangelica ha un chiaro sfondo battesimale (mani, saliva, effatà) e un deciso orientamento catechetico: il gesto di Gesù compie la profezia di Isaìa per cui «griderà di gioia la lingua del muto» (I Lettura).
Il sordomuto rappresenta un po’ tutti noi, murati in noi stessi e chiusi alla grazia. A noi Gesù dice: «Effatà, Apriti!». Tutta
la Sacra Scrittura è una storia di alleanza tra Dio e il suo popolo, ma questa non può esistere senza l’ascolto e l’accoglienza. Quante volte Dio è stato rifiutato o non riconosciuto!
Allora anche noi stiamo attenti a non usare favoritismi personali, a non trattare l’altro secondo le convenienze sociali (II
Lettura). Dove c’è lo “scartato” potrebbe celarsi Dio che ci vuole parlare.

don Michele G. D’Agostino, ssp

Data

Set 05 2021
Expired!

Ora

All Day

Ora locale

  • Fuso orario: America/New_York
  • Data: Set 05 2021
  • Ora: All Day

Nessuna risposta.